Eliminare la muffa

Puliti & Felici - Eliminare la muffa

Uffa la muffa!

Ragazze, una cosa è certa: se in casa c'è odore di muffa, vuol dire che da qualche parte c'è la muffa! Prima ne prendiamo atto e prima la cerchiamo per eliminarla.

Punto uno: ci sono in casa vostra angoli nascosti che possono ricevere umidità dall’esterno? Se la risposta è sì, allora la soluzione più adatta è quella di isolare il muro per impedire che penetri umidità. Vi faccio un esempio. Se avete messo delle piante vicino al muro, evitate di annaffiare proprio lì. Ridurre il contatto del muro con l’acqua significa ridurre l’umidità.

Punto due: l'umidità potrebbe provenire dagli impianti idraulici. Date un occhio alle pareti vicino al bagno o alla cucina e controllate se ci sono macchie. A volte anche il soffitto è a rischio, se per esempio ci sono un bagno o una cucina al piano superiore. In caso di macchie, secondo me è molto probabile che serva un idraulico.

Punto tre: problemi di condensazione. Cosa vuol dire. Vuol dire che in casa ci sono delle pareti che, soprattutto nelle stagioni di transizione, sono più fredde del resto della casa. Qui si condensa l’umidità di tutta la casa e qui è facile che si formi la muffa. In questi punti dovreste notare la muffa, o oppure vedere variazioni della superficie (tipo crepe, rigonfiamenti, sfarinamenti dell'intonaco,...). Visto che è capitato anche a me, posso consigliarvi detersivi contenenti ipoclorito, come intervento di emergenza. Oppure potete intervenire con altri attivi più persistenti, come il benzalconio cloruro, per cercare di prevenire la formazione della muffa.

Ci sono altri punti delicati? Eccome: la muffa si crea ambienti chiusi (un armadietto o la zona dietro lo zoccolo di un armadio). Per abbassare il tasso di umidità potete usare i deumidificatori ad assorbimento, ricordandovi di sostituire periodicamente i sali. Oppure  una buona soluzione per cercare di tenere asciutte le stanze, può essere l'uso di un deumidificatore elettrico, che funziona praticamente come un condizionatore, eliminando l'umidità atmosferica. Ricordatevi però una cosa: se non abbiamo risolto il problema dell'umidità che penetra dall'esterno o da perdite, il problema continuerà a riproporsi. La soluzione vera è quella di creare condizioni che non portino alla formazione della muffa.

Veniamo ora ai rimedi per eliminare l'odore: per i capi lavabili la cosa migliore è fare un lavaggio completo.  L’ammorbidente fa bene ai tessuti e migliora il profumo. Per i capi che non riuscite a lavare in casa, c’è la lavanderia; in ogni caso l'esposizione all'aria dovrebbe eliminare anche le ultime tracce di odore. Se poi c’è odore di muffa anche su tessuti non lavabili (divani, tende, testate del letto, ecc.), vi consiglio l’uso di prodotti che, spruzzati sul tessuto, assorbono le molecole di odore estraneo. Funzionano come delle spugne e lasciano un gradevole profumo: alcuni di questi prodotti sono anche disinfettanti.

Una buona pulizia e una frequente arieggiatura sono il modo migliore per proteggere gli oggetti e le superfici dalle muffe. E a proposito di arieggiatura, non aprite ogni tanto le finestre per godervi una giornata di sole?

Questo argomento mi fa venire in mente anche un proverbio inglese che dice: una pietra che rotola non fa la muffa…

Alla prossima,

Linda

Possono interessarti anche questi articoli: 

La playlist

Le pulizie domestiche sono più divertenti a tempo di musica!

> ASCOLTALA ORA <

Seguici su Facebook

Gentile Visitatore, il presente sito web utilizza cookie di tipo tecnico e cookie di "terze parti". E' possibile prendere visione della privacy policy estesa e gestire l'utilizzo dei cookies secondo le Sue preferenze accedendo alla presente informativa. Proseguendo la navigazione o chiudendo il presente banner, verrà accettata l’impostazione predefinita dei cookies che potrà essere gestita e modificata anche successivamente accedendo alla pagina "gestione dei cookies".
x