Taglieri, come pulirli?

Il tagliere è sicuramente l’utensile da cucina indispensabile per creare ricette sia semplici sia elaborate da nouvelle cuisine. In base al gusto e alla sensibilità estetica di ognuno di noi, li possiamo trovare in legno, plastica, vetro o marmo. Essendo una superficie destinata al contatto con alimenti è opportuno osservare alcune precauzioni: vediamo qui nel dettaglio quali accortezze dobbiamo adottare per igienizzare e pulire al meglio il nostro fidato amico tagliere.

TAGLIERE IN LEGNO
Di taglieri in legno ne possiamo trovare di diversi tipi: in quercia, faggio, acero, teak o bamboo. Ognuno di loro, grazie alle specifiche proprietà dettate dalla durezza e dalla porosità del materiale, ha cure e attenzioni diverse. Per esempio l’acero è più duro del faggio e del teak, dunque ha una resistenza maggiore e lo si potrà pulire semplicemente strofinando energicamente con una spugna senza il rischio di danneggiarne la superficie.
La porosità è un aspetto da tenere in considerazione quando si acquista un tagliere in quanto più i pori sono grandi, maggiore sarà l’assorbimento di liquidi e odori che potrebbero favorire l’insediamento di batteri. È dunque ottimale scegliere tavole a venature chiuse come il faggio e il noce in quanto, avendo un basso tasso di assorbimento di liquidi, rendono la pulizia meno impegnativa.
Ma come li possiamo pulire?
Il legno è sempre caratterizzato da una certa porosità e di questo occorre tener conto evitando di impregnarlo eccessivamente con acqua.
- SAPONE PER I PIATTI: una volta pulita la superficie da eventuali residui di cibo, bisogna risciacquare entrambe le superfici sotto acqua tiepida (non bollente), applicare una piccola quantità di detersivo e poi con una spugna (o spazzola a setola morbida) strofinare delicatamente entrambi i lati, facendo attenzione a non creare graffi.
- CANDEGGINA o acqua ossigenata: i taglieri, a contatto con i cibi crudi, in particolare carne, possono essere uno degli anelli della contaminazione di microrganismi. Può essere quindi importante disinfettarli con un disinfettante a base di candeggina o di acqua ossigenata, assicurando un adeguato tempo di contatto e risciacquando alla fine con acqua pulita. Far asciugare il tagliere in verticale.
È importante non pulire il tagliere in legno in lavastoviglie, in quanto il calore e l’azione dell’acqua potrebbe rovinarlo.

TAGLIERE IN PLASTICA
I taglieri in plastica sono sicuramente più comodi, più economici e facili da pulire grazie alla loro resistenza. Infatti, a differenza di quelli in legno, possono essere lavati in lavastoviglie in quanto sopportano bene il calore dell’elettrodomestico.
La continua esposizione al calore però potrebbe rovinare e deformare il tagliere, quindi si suggerisce sporadicamente di lavarlo a mano seguendo le indicazioni di quelli in legno (sapone piatti, candeggina/acqua ossigenata).

TAGLIERE IN VETRO
Il tagliere in vetro è resistente e soprattutto non è assolutamente poroso e non si rischia perciò di contaminare le superfici con eventuali batteri. Non si macchia e a contatto con alte temperature non si deforma permettendone tranquillamente la pulizia in lavastoviglie quante volte si vuole.
Per il lavaggio a mano usate un detersivo per i piatti.

TAGLIERE IN MARMO
Il marmo è sicuramente il materiale più “cool” per un tagliere: elegante, raffinato, è estremamente facile da pulire. I metodi più comuni sono: il detersivo per i piatti, o lavaggio in lavastoviglie.
Assolutamente evitate consigli a base di aceto che, oltre che essere inefficace, per la sua acidità rovinerebbe il marmo
Anche per questi altri tipi di taglieri è importante curare la disinfezione, quando si teme possano essere stati contaminati, con disinfettanti a base di ipoclorito, acqua ossigenata o alcool.
Dopo queste indicazioni non avrai più paura di cucinare piatti strani e creativi con il terrore di non sapere come pulire il tuo utensile amico.


Potrebbe interessarti anche
Marmo, granito e quarzo: superfici belle ma difficili da pulire
I segreti per una cucina senza macchia? Una questione di pH
Come pulire le diverse pietre della cucina
Cucina perfetta: come pulire tutte le superfici
Cucina perfetta: come pulire l'acciaio
Come trasformare la cucina in una stanza a prova di bambino?
Alcuni usi per cui l’ammoniaca può tornare utile in cucina
Pulire piano cottura, griglie, bruciatori e sparti fiamma: come rimuovere lo sporco più ostinato?

La playlist

Le pulizie domestiche sono più divertenti a tempo di musica!

> ASCOLTALA ORA <

Seguici su Facebook

Gentile Visitatore, il presente sito web utilizza cookie di tipo tecnico e cookie di "terze parti". E' possibile prendere visione della privacy policy estesa e gestire l'utilizzo dei cookies secondo le Sue preferenze accedendo alla presente informativa. Proseguendo la navigazione o chiudendo il presente banner, verrà accettata l’impostazione predefinita dei cookies che potrà essere gestita e modificata anche successivamente accedendo alla pagina "gestione dei cookies".
x